Top
  >  Viaggi   >  Spagna   >  Bilbao   >  Cosa vedere a Bilbao in 3 giorni

In Italia piove a Bilbao sarà bello spero… le ultime parole famose. Hai presente quando speri in uno spiraglio di sole e tutto sembra andare per il verso opposto. Partiamo per Bilbao con la consapevolezza che dovremmo girare con l’ombrello sempre a portata di mano.

Quando stai aspettando la partenza e sai che ti aspetta il mal tempo all’arrivo non è proprio il massimo perché, anche se è sempre bello partire, la pioggia porta via un pò di bellezza in alcuni luoghi. Fatalità dimentico il piano viaggio che mi sono preparata per visitare Bilbao… sono a un punto zero ma la prendo con filosofia.

Volotea questa volta in ritardo sia alla partenza che al ritorno…. volevano forse farmi capire di starmene a casa?

Appare il tempo a volte ostile il mio viaggio nella terra basca è andato molto bene. Atterriamo in aeroporto a Bilbao con quasi due ore di ritardo, il lato positivo è che non devo aspettare il rilascio delle valige, viaggio solo con il trolley a mano per cui appena scesa mi fiondo all’uscita alla ricerca di un punto informazioni che mi sappia dire come raggiungere il mio hotel.

In aeroporto il punto informazioni lo trovi appena esci dalla porta ritiro bagagli, gira subito a destra e li trovi poco dopo un punto Info Turismo dove prendere una piantina della città e dove chiedere tutto ciò che vuoi sapere.

Raggiungere il centro di Bilbao è semplicissimo, c’è un bus che ti porta direttamente in centro in circa 30 minuti.

Al di là del tempo ballerino, Bilbao mi ha veramente stupito, avevo poco aspettative e invece … soddisfatta appieno! Eccoti cosa secondo me vedere in tre giorni.

La parte nuova di Bilbao – la Gran Vìa, Indauxtu e Abandoibarra

La parte nuova di Bilbao è diventata negli ultimi anni un simbolo della modernotà e dell’arte moderna. In ogni angolo infatti ci sono opere architettoniche, firmate dai più celebri architetti e designer di fama mondiale. Ho apprezzato veramente molto che ci fossero in tutti gli incroci stradali, parchi, marciapiedi… panchine per sedersi e opere architettoniche. Di certo c’è ne è per tutti i gusti e, anche se non sei fanatioco di arte moderna, ti assicuto che quando cammini le noti perchè riempiono la città di un’anima sua. 

Ho visitato molte città e devo dire che come hanno “vestito” BIlbao mi è vermante piaciuto molto, sei sempre accompagnato da uno spirito creativo in ogni opera. Fatevi un giro per i viali, bellissimi, alberati e pieni di negozi, la Gran Vìa, e le zone di Indauxtu e Abandoibarra meritano uno sguardo e sicuramente molte foto.

Il Casco Viejo di Bilbao – La città vecchia

Il Casco Viejo è il cuore pulsante della città di Bilbao. E’ la parte vecchi della città che si trova a destra nel fiume Nerviòn. Se avete visto prima la Bilbao “nuova” noterete subito la differenza con quella “vecchia”.

La parte vecchia di Bilbao ha tre punti di riferimento principali la piazza della Cattedrale di Santiago, la plaza Unamuno dove si trova l’ingresso della metropolitana, e la Plaza Nueva. Oltre i punti di riferimento principali se volete visitarla sappiate che ci sono anche 7 strade principali, chiamate le Siete Calles, dalle quali si diramano altre stradine, che ti portano a negozi di ogni genere. Ci sono alcune strade che mi hanno ricordato alcune vie di Venezia.

Il Museo Guggenheim di Bilbao

Il Museo Guggenheim ho scoperto essere l’icona di Bilbao (viva l’ignoranza!). Ha una linea meravigliosa, non per niente c’è l’impronta di Frank O. Gehry, famoso architetto di origine canadese. E’ stato realizzato in titanio, con delle lastre di pietra calcarea di Granada e in cristallo. Io purtroppo ho trovato sempre giornate piovose per cui non l’ho mai visto con la luce del giorno ma con il sole le sue sfaccettature assorbono la luce e poi la riflettono facendogli “cambiare” continuamente forma e aspetto.

Oltre ad essere un meraviglia al di fuori è anche una meraviglia all’interno, il Museo Guggenheim dove troverete collezioni di arte contemporanea disposte su tre piani degli artisti più rappresentativi del ‘900 come ad esempio Andy Warhol, Keith Haring, Willem de Kooning, Jean-Michel Basquiat, Marc Rothko, Yves Klein, ecc..

Se siete poco appassionati di arte il mio consiglio è di fare un giro al di fuori del museo dove apparte la struttura modulare con il sole ci sono forme d’arte esposte.

Troverete infatti un ragno gigante in bronzo di 10 metri, opera dell’artista Louise Bourgeois; e il cagnolino gigante ricoperto con 70.000 fiori che fa da guardia all’ingresso del museo sin dalla sua inaugurazione e firmato da Jeff Koons, autore anche dei Tulips, un bouquet di tulipani giganti in acciaio cromato, specchianti e multicolore posizionato sulla sponda del laghetto che circonda il museo.

Per maggiori informazioni sugli orari di apertura e sul prezzo del biglietto visitate il sito del museo.

Qui potete scaricarvi invece la mappa interna del museo così potete farvi un’idea della grandezza e se vi interessa visitarlo o meno.

La Cattedrale di Santiago a Bilbao

La Cattedrale di Santiago dichiarata patrimonio dell’Unesco è il più antico edificio di Bilbao, costruita tra il XIV e il XVI secolo, sorge su un antico tempio del 1300, ampliato poi nel corso del XIV secolo e poi distrutto da un incendio nel 1374 dopo il quale si decise di progettare la cattedrale in stile gotico. Quando la guardate noterete che ci sono più stili dal gotico al barocco.

La troverete nella parte vecchia di Bilbao e ne rappresenta il principale luogo di culto. Oltre ad essere il principale luogo di culto è famosa anche per essere una delle tappe dei pellegrini che percorrono il Cammino di Santiago.

La cattedrale è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 20. Il costo del biglietto dipende da varie opzioni, nel sito troverete tutti i dettagli.

La Funicolare di Artxanda 

In hotel ho chiesto dei consigli su cosa vedere a Bilbao e il receptionist mi ha consigliato di salire con la funicolare di Artxanda per vedere la città dall’alto. Bilbao si trova dietro una valle circondata da montagne e, per ammirarla nella sua pienezza, mi ha consigliato di prendere la funicolare. Purtroppo, il tempo è stato poco magnanimo e la visuale non è stata delle migliori perché il cielo era completamente coperto da nubu. Il mio consiglio è di salire quando il tempo è limpido così da godersi il panaorama dalla terrazza che trovate in cima.

Il Ponte di Vizcaya a Bilbao

Avevo visto molte foto del Ponte di Vizcaya, Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO dal 2006, che mi avevano così incuriosito che ho deciso di andare a vederlo di persona. Ho preso la metro dalla città vecchia e, dopo circa mezz’ora, sono arrivata. Bella l’idea di questo ponte molto particolare, per attraversarlo devi salirci sopra e lasciare che ti trasporti da un parte all’altra della sponda del fiume.

Il viaggio dura circa due minuti e ci si può salire anche in macchina. E’ in una zona fuori dal centro, vicino al porto, per cui una volta che ci avete fatto un giro potete visitare anche la zona portuale di Bilbao, io non ho trovato nulla di particolare da essere assolutamente visitato nei suoi dintorni.

Il Mercado de la Ribera

Una delle cose che mi piace sempre guardare nelle città che visito sono i mercati. Mi piace visitarli perché solitamente, a meno che non siano trappole per turisti, c’è sempre parte della città in quei luoghi. Il Mercado de la Ribera è il mercato coperto più grande d’Europa.

Lo trovate nella città vecchia, è situato in due piani, sotto ci sono molti bar e chioschi che vendono prodotti locali e al piano superiore troverete il reparto “freschi” (carne e verdura).

Mi sono fermata a mangiare lì per pranzo e ho mangiato bene, l’ambiente è molto accogliente, sicuramente vi consiglio di farci un giro e prendere qualche pintxos. 

Zubi Zuri – il ponte di Calatrava 

Leggevo d’appertutto di andare a vedere il Zubi Zuri di Bilbao, diventato anch’esso un simbolo della rinascita della città basca.  E’ un ponte a ventaglio situato sul fiume Nerviòn e che collega il Campo de Volantín, sulla riva destra, con Uribitarte (el Ensanche), sulla riva sinistra. Questo ponte è diventato famoso per essere una delle opere architettoniche di Calatrava, autore, tra l’altro, anche dell’aeroporto di Bilbao.

Queste sono le cose che ho apprezzato di Bilbao oltre il buon cibo e i paesaggi al di fuori della città che sono a dir poco meravigliosi, in particolare San Juan de Gaztelugatxe, che merita assolutamente di essere vista sopratutto se sei un fan di Game of Thrones direi che una visita è quasi d’obbligo!

E tu hai visitato Bilbao?

Ciao sono Marika! Sono appassionata di viaggi, natura e animali, alla ricerca di qualcosa di nuovo in giro per il mondo. Se sei in cerca di qualcuno a cui fare domande, io sono in cerca di qualcuno a cui dare risposte per cui aspetto di leggerti! Amo poco le bio, si vede? preferisco scrivere di altro, magari di quanto bello è il cielo.

Scrivi un commento