Top
  >  Viaggi   >  Spagna   >  Minorca   >  Quello che non mi aspettavo da Minorca – Guida –

Le Isole Baleari in Spagna mi hanno sempre affascinato, sai quando sei giovane e tutti ti parlano che figata è andare a Ibiza oppure nelle spiagge da sogno di Formentera?, ecco lì era rimasto il mio ricordo da giovane casinara – anche se non sono mai stata fanatica delle discoteche –. Minorca tra tutte le Baleari è quella che mi è sempre stata descritta come la più bella. Mare cristallino, buon cibo e gente simpatica. Sono partita con questa idea. Ho letto tantissimi blog e guide su dove, come e cosa andare a vedere nell’isola e adesso posso dirvi con certezza che ho letto anche tante scemenze! Eh si…. lo ammetto per alcune cose mi aspettavo altro.

Sebbene la vacanza sia andata molto bene ci sono alcune cose che avrei voluto sapere in anticipo prima di partire! Sopratutto quelle inerenti alle spiagge.

Inizio con un passo alla volta.

Cose da vedere a Minorca

Le attrazioni a Minorca come potrai immaginare sono abbastanza contentute essendo una piccola isola. Da vedere, apparte le innumerevoli spiagge di cui ne parleremo dopo, sicuramente ti consiglierei Mahon. Io l’ho visitata la sera e i suoi viali erano sempre immersi di gente e i ristoranti pieni zeppi di persone.

Mahon che poi è anche la capitale di Minorca è una città molto particolare, pensa che si sviluppa sul più grande porto naturale del Mediterraneo. E’ molto bella da vedere la sera perchè tutto il porto è illuminato e la scalinata dalla città per raggiungerlo vale la pena di essere fatta. Passeggiando per le vie del centro, vedrai alcuni palazzi con un’architettura che ricorda molto quella inglese. E’ la città ideale se vuoi fare un pò di shopping o, se vuoi acquistare prodotti tipici, ricordati che sulla ex piazza d’armi ogni martedì e sabato mattina c’è un mercato dove i commercianti vendono abiti, calzature tipiche di Minorca e varia oggettistica.

Ciutadella invece che è dall’altra parte dell’isola e merita anch’essa da essere vistata, in particolare la sera quando si ravviva di gente. Mi è piaciuta molto come cittadina, forse anche più di Mahon. Ci sono varie cose da vedere tra cui la Cattedrale, il porto – zona di afflusso per la vita notturna – e numerose costruzioni in stile gotico barocco.

Come ultima cittadina che vi consiglio di vedere c’è anche Es Fonells, un tradizionale villaggio di pescatori lungo la costa nord dell’isola. È un una piccola meraviglia questo paesino, se ci andate la sera per cena ricordatevi di prenotare con anticipo il ristorante, noi li abbiamo trovati tutti con tavoli riservati, sopratutto quelli vicino al porto.

CITTA’
Mahon - La capitale
Ciutadella
Fornells - Il paese dei pescatori
ATTRAZIONI
Cova d'en Xoroi
Parco Naturale: de s'Albufera des Grau
Necropoli de Son Morell Nou
SPIAGGE
Macarelleta
Son Bou
Cala Pregonda
Son Saura

Informazioni utili

QUANTI GIORNI STARE A MINORCA E QUANDO ANDARE

Quando dovevo prenotare le sistemazioni per dormire ho trovavo sempre tutto pieno ed effettivamente non ci sono tanti hotel nell’isola. Io ho prenotato con Airbnb (se vuoi uno sconto su Airbnb clicca qui) per metà vacanza e l’altra metà in un appartamento a gestione di un hotel. Se volete un buon prezzo e una sistemazione decente il mio consiglio è di prenotare con largo anticipo (con Airbnb non ho pagato la tassa da turista mentre in hotel si, piccola precisazione!)

Io come ti dicevo ho soggiornato in due posti diversi, sia al nord che al sud dell’isola. Se dovessi consigliare: a nord ti consiglio di fermarti a dormire a Ciutadella, così la sera puoi fare e un giro e avere qualsiasi ristornate a disposizione per cenare. A sud dell’isola invece hai più possibilità per fermarti come città. Io avevo prenotato a S’Algar. È appena fuori Mahon e in macchina raggiungevo facilmente qualsiasi posto.

Personalmente il tempo perfetto per stare a Minorca è una settimana, non di più! Secondo me ovviamente. In 7 giorni riesci a vedere ogni giorno una spiaggia diversa e una città diversa. Ti assicuro che non è rilassante come vacanza, anzi… io sono tornata più stanca di prima. Se invece non ti interessa visitare più luoghi diversi la vacanza inizia già ad avere un sapore di rilassamento. 

Io di mio sono un animo in eterno viaggio e voglio godermi tutto quello che un posto mi regala quindi ho optato per l’esplorazione invece che l’ozio.

Minorca la puoi visitare tutto l’anno, il periodo migliore dipende solo da che tipo di vacanza vuoi fare! Da gennaio a dicembre è piacevole se vuoi fare escursioni. Da giugno a settembre arrivano i turisti insieme alla alte temperature che a volte sfiorano anche i 40°. Stare in spiaggia significa che guardi l’acqua e ti metti a mollo da tanto caldo che fà. La sera poi esci con le mani palmate! Sempre!

Il periodo primaverile e autunnale porta con se brevi e intense perturbazioni che potrebbero rovinare la tua vacanza per cui te lo sconsiglio come periodo.

CLIMA

Gli inverni sono abbastanza miti e anche le temperature scendono raramente sotto lo zero. Il periodo migliore per visitare l’isola è l’inizio dell’estate prima dell’arrivo del gran caldo. In estate a Minorca troverai durante il giorno temperature afose, per capirsi … da passare la giornata intera nell’acqua come un pesce, e la sera un clima perfetto. Le correnti rinfrescano l’aria dando un attimo di sollievo al caldo incessante e mantengono l’acqua cristallina e pulita (non ovunque…).

In autunno l’aria è più fredda e secca e il turismo sull’isola è principalmente escursionistico.

Temperature medie

  • Giugno, Settembre, Luglio e Agosto, le temperature medie son a 29 °C
  • Marzo, Dicembre, Gennaio e Febbraio il termometro scende mediamente fino a 8 °C.

Piovosità

  • Ottobre e Novembre sono i mesi più piovosi durante i quali la media mensile delle piogge arriva a 88 mm.
  • Agosto e Luglio sono i più secchi con precipitazioni medie che si riducono fino a 7 mm al mese.

I MINORCHINI

I minorchini (non so se chiamano così ma a me piace questo nome) che per me sarebbero quelli che abitano lì, sono BEN POCO SIMPATICI!

Come prima cosa sono poco svegli, poi sono poco simpatici. Lo so che è brutto da dire ma è la prima volta che mi capita di visitare un posto e dire bello il posto, peccato per la gente.  E fortuna che gli spagnoli sono un popolo cordial!. Pensate che in un bar un cameriere ci ha risposto alla nostra ordinazione di un caffè e brioches, “non abbiamo brioches, solo panini, se non vi va bene andate un un’altro bar”. E questo è uno dei tanti avvenimenti che ci ha fatto dire “che stronzi!”. Probabilmente sono esauriti dal lavoro, probabilmente sono antipatici di loro, probabilmente gli stanno antipatici gli italiani, a voi la scelta, io comunque sono rimasta molto molto delusa.

L’unica persona veramente cordiale era la proprietaria di casa nella prima parte della vacanza! Lei era un amore!

Si ecco…spero di aver avuto solo io questa impressione e di essere un caso isolato (io compresi i miei amici!). Apparte questo anche il servizio ristorativo in generale lascia un po’ a desiderare. Forse sarò abituata male ma credo che un sorriso e un po’ di gentilezza valga più di mille cose.

COSA MANGIARE

Io come sempre in Spagna mangio bene e anche Minorca il cibo mi ha soddisfatto. Forse faccio poco testo perchè mi piace mangiare ma anche i miei amici sono rimasti soddisfatti. A Minorca in ogni caso si mangia bene il pesce ma anche la carne. 

Essendo un’isola d’istinto mi veniva da ordinare il pesce invece vi dirò che ho trovato grande soddisfazione mangiando la carne che n on amo molto.Ne mangio veramente pochissima per cui se vi dico che era buona, credeteci!

Anche il pesce era buono quasi d’appertutto, sicuramente ve lo consiglio nel paese che si chiama Es Fornells, chiamato anche la città dei pescatori, dove il piatto tipico è la Caldereta de llagosta, in parole semplici l’aragosta stufata.

Come carne siamo tutti diventati assolutamente matti per il Secreto iberico! Questa parte del maiale è quella nascosta tra la spalla le costole e il lardo, da qui il nome “segreto”. E’ una carne gustosa, consistente e tenera allo stesso tempo. Se andate a Minorca mangiatene una anche per me! 

Oltre il secreto iberico vi consiglio anche la pluma iberica. Se dovessi scegliere però il secreto l’ho preferito! Ne ho mangiato uno spettacolare al Ca’n Bernat a Cala’n Porter, è un ristorante sulla strada per andare alla Cova d’en Xoroi.

Oltre la carne buonissima vi consiglio anche la Paella, le melanzane ripiene al forno (che sono una specialità di Minorca) e provate anche gli affettati. Io sono rimasta poco entusiasta, assaggiateli e fatemi sapere cosa ne pensate! Troverete la sobrasada, carne di maiale aromatizzata con paprika in modo da donarle il tipico colore rosso, una salsiccia tradizionale a base di carne magra, pancetta e carne stagionata, e camot o cuixot salsicce nere aromatizzate con finocchio (un pò strano vedere nel piatto delle fette di salame nero…..).

Bocadillos e tapas

I bocadillos li trovate in tutti i bar ma anche nei ristornati come antipasto. Sono semplicemente dei crostini di baguette e possono essere serviti con tonno, queso – formaggio -, prosciutto, la sobrasada  – salsiccia di Minorca -, salmone ahumado – salmone affumicato -, tortilla – frittata spagnola-  o una combinazione di questi ingredienti. Buoni ma io prediligo altro.

Ci sono poi le tapas che invece sono delle porzioni di piatti tradizionali del posto. Anche queste le trovate tipicamente nei bar. Le tapas vanno bene se volete assaggiare più piatti, alla fin fine a forza di assaggiare vi fate la cena! Tra le tapas più famose e tipiche di Minorca trovate le albondigas – polpette -, higado – fegato e aglio – , rinones al jerez – reni in sherry – , calamari alla romana (dal nome come capirete la pietanza è non è tipica di Minorca :-), carne con salsa e le tortilla

I dolci

Io preferisco il salato al dolce, anche se una torta non la disdegno! Lì i dolci mi sembravano molto … come dire … carichi! Ho solo assaggiato una torta e l’impasto sapeva talmente tanto di uovo che mi dava la nausea! Mi piacciono i dolci dal gusto delicato e lì di delicato non c’era nulla! Quella torta pesava tantissimo ed era pure pesantissima per lo stomaco!

Troverete anche un dolce tipico che si chiama ensaimada che è una pasta fatta sia con marmellata di zucca che crema pasticciera. Mangiata senza aggiunte non mi ha fatto impazzire, mangiata con la crema pasticciera a momenti vomitavo. Penso di non aver mai mangiato una cosa così terribile di pasticceria. Eravamo in tre ad averla presa e in tre è finita amorevolmente nel cestino. La crema pasticciera era di colore arancione con un sapore nauseante.

Se cercate brioches la mattina non dappertutto le trovate e se ci sono ne fanno poche e finiscono presto.

LE SPIAGGE

Sulle spiaggia di Minorca ho letto su web e sentito i consigli più assurdi.. e a qualcuno vorrei chiedere se ci è stato vernante oppure ha copiato che ne so… dalle guide della Lonely planet…

Di base troverete dell’acqua bellissima ovunque, il problema non è l’acqua ma sono le spiagge, a volte mi hanno veramente delusa!

La spiaggia più bella in assoluto che ho visto a Minorca si chiama Plaia Pregonda. Arriviamo a piedi da plaia Binimella che non è bellissima e quello che ho pensato vedendola dopo aver attraversato un tragitto quasi lunare è UAUUU. Spiaggia rossa con un mare ECCEZIONALE. Penso che la foto meriti più di ogni parola anche se devo dire che la foto non rende assolutamente!

Oltre a questa spiaggia che io l’ho messa al podio sono bellissime plaia Macarelleta (non Macarella!), Son Bou e Son Saura.

Ci sono alcune spiagge che per arrivare devi fare molta strada a piedi e sotto il sole, alcune non sono servite, alcune che si sono solo i bagni all’inizio li del parcheggio, alcune invece che sono servite. Il bello è che sono tutte diverse quindi visitarne ogni giorno una nuova è sempre una scoperta.

La vita notturna

Avete mai sentito qualcuno che diceva “è pieno di movida notturna da stare svegli fino le 6 del mattino a Minorca”? Se la risposta è no, ecco sappiate che non c’è ne è prorpio!

Minorca è un’isola per un turismo prevalentemente di famiglie o comunque molto molto tranquillo, ci pensano i galli a qualsiasi ora a disturbare. L’unica discoteca nell’isola è la Cova d’en Xoroi, un locale unico scavato nella roccia a 25 metri di altezza dal mare per il resto ogni tanto trovate qualche locale per bere una cosa fino a tardi. Non aspettatevi altro. Non c’è altro. Anche le città come Ciutadella e Mao a una certa ora sono deserte.

 

QUALCHE CURIOSITA’

  • Minorca è soprannominata l’isola del vento, che con le sue 2 mila 500 ore di sole nel coso dell’anno
  • Le minorchine sono le calzature tipiche utilizzate anticamente dai pescatori e dai contadini
  • Le case sono solitamente rivolte a sud, con poche finestre, e le porte al nord, per contrastare i forti venti di tramontana.
  • E’ stata dichiarata Riserva della Biosfera 8 ottobre 1993 da parte dell’ Unesco.
  • La bevanda tipica è la Pomarata, composta da 1/4 di gin e 4/5 di limonata.

Consigli

1
Spiagge servite? La maggior parte delle spiagge a nord dell'isola non sono servite, in alcuni non c’è neppure il bagno chimico. Le spiagge a sud sono più servite di quelle a nord, a volte ci sono anche le doccie.
2
Alzati presto Nelle spiagge a nord dell‘isola dovete svegliavi molto presto per andarci, i parcheggi alle ore 8.3/9 sono pieni e chiudono le strade per raggiungere il mare cui non passate!
3
Occhio ai cartelli A lato delle strade (l’ho visto solo nella parte a nord dell’isola) ci sono dei tabelloni - tipo quelli che ti indicano i posti liberi nei parcheggi- che ti indicano se la strada è ancora aperta o meno per raggiungere le spiagge. Guardateli perché risparmierete viaggi inutili.
4
Le distanze mentono! Pur essendo l’isola piccola per raggiungere i vari posti ci mettete più tempo di quanto pensate. Le strade sono poche e vi fanno fare giri assurdi per raggiungere un posto.

Prenota in anticipo e salta la coda!

Ciao sono Marika! Sono appassionata di viaggi, natura e animali, alla ricerca di qualcosa di nuovo in giro per il mondo. Se sei in cerca di qualcuno a cui fare domande, io sono in cerca di qualcuno a cui dare risposte per cui aspetto di leggerti! Amo poco le bio, si vede? preferisco scrivere di altro, magari di quanto bello è il cielo.

Commenti

  • 22 Agosto 2019

    Per fortuna che gli avete affibbiato teneramente il nome minorchini, così sembrano simpatici. 😀
    Chissà, magari sono solo molto sinceri ma è anche vero che un po’ di dolcezza non gusta. 😀

    reply...
  • 23 Agosto 2019

    Ho visitato Minorca moltissimi anni fa e la spiaggia rossa mi è rimasta davvero impressa! Ne ho vista una così solo in Corsica anni dopo!
    Per il resto bel resoconto

    reply...
  • 26 Agosto 2019

    Che mare stupendo, assomiglia tanto alla mia Sardegna. Il cibo spagnolo delle Baleari è davvero il TOP comunque, una squisitezza!

    reply...

Scrivi un commento